12/12/2011
ANITA - Luisa Cottifogli in concerto - 21 dicembre 2011 - San Marino

Allegro Vivo presenta

ANITA - Luisa Cottifogli in concerto

mercoledì 21 dicembre 2011- ore 21,15
Teatro Titano
piazza S. Agata
Rep. San Marino


LUISA COTTIFOGLI presenta “ ANITA”

Luisa Cottifogli – voce
Gabriele Bombardini – chitarre
Anselmo Pelliccioni – violoncello

Chi è Anita? Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva - questo il vero nome di Anita Garibaldi - nasce nel 1821 a Laguna, nel sud del Brasile. Qui passa un’infanzia libera e felice, grazie all’educazione del padre che la cresce come fosse un figlio maschio, insegnandole l’arte dell’equitazione. Alla morte del padre la ragazza viene obbligata dalla madre, caduta in povertà, a sposare Manuel Duarte, un uomo molto più anziano di lei, un ciabattino dalle vedute molto ristrette che si arruola ben presto nell’esercito imperiale. A 18 anni Anita incontra Giuseppe Garibaldi, giunto in Sud America e arruolatosi nella flotta dello stato del Rio Grande del Sud in guerra contro l’imperatore del Brasile. Garibaldi libera Laguna, vi sbarca e qui conosce la giovane e la porta con sé. Ella lo segue sia guerreggiando accanto a lui che dandogli 4 figli. Dal Brasile i due si spostano in Uruguay per poi raggiungere Nizza, patria natia di Giuseppe. Nel 1849 Anita, incinta del quinto figlio, raggiunge il marito a Roma dove si sta combattendo per l’indipendenza e l’istituzione della Repubblica Romana. Ma al crollo di questa i due sono costretti ad una fuga precipitosa verso nord, inseguiti dalle truppe austriache e francesi accorse in aiuto del papa. Dopo avventure rocambolesche vengono costretti a sbarcare a Magnavacca (attuale Porto Garibaldi), ed è in Romagna, nella vicina Mandriole, a sud delle valli di Comacchio, che Anita morirà di stenti e febbre.

Garibaldi e Anita a San Marino:
alla fine del luglio 1849, durante la fuga precipitosa verso nord, l‘Eroe dei due Mondi attraversò il territorio della Repubblica di San Marino, e qui si rifugiò. Entrò nonostante i Capitani Reggenti dell’epoca gli avessero chiesto di risparmiare il piccolo stato, che non avrebbe saputo come difendersi dalla furia dei soldati austriaci che già incombevano nei pressi della Repubblica. Rifocillò se stesso e le proprie tramortite truppe, poi le sciolse e – aiutato da guide esperte del luogo – fuggì nottetempo con Anita, ormai quasi agonizzante, e i suoi più stretti collaboratori.

----------------------------------------------------------

Lo spettacolo musicale “Anita” si muove tra Sudamerica ed Europa, proprio come l’eroina nata in Brasile che giunge in Italia combattendo al fianco del suo eroe. Un concerto che alterna canzoni e monologhi, una pièce unica nella quale la voce passa senza soluzione di continuità dal parlato al cantato all’improvvisazione “strumentale”.

Luisa Cottifogli, accompagnata dalle chitarre di Gabriele Bombardini e dal violoncello di Anselmo Pelliccioni, interpreta brani di sua composizione insieme ad alcuni indimenticabili capolavori del repertorio sudamericano: “Rosa” di Pixinguinha, “Eu sou meu guia” di Lenine, “Alfonsina y el mar” di Ramirez-Luna, “Fragilidad” di Sting. Le lingue utilizzate sono il portoghese brasiliano, l’italiano, lo spagnolo e anche il dialetto romagnolo.

Improvvisando raffinate sonorità jazz, la Cottifogli si spinge fino alle radici della world music e alla ricerca timbrica della musica colta contemporanea, restituendo al pubblico, dopo la sua fuoriuscita dai Quintorigo, il volto migliore di una grande artista.

Il lavoro è tratto dal CD Anita (Nuccia edizioni / Egea distribuzione) uscito nel 2010. Questo progetto discografico inizia a maturare nell’estate del 2008 quando l’artista debutta al Ravenna Festival con Anita dei due mondi, per la regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi, su copione e sceneggiatura di Federica Iacobelli.

----------------------------------------------------------

Al termine dello spettacolo degustazioni enogastronomiche a cura del Consorzio Terra di San Marino.

info e biglietteria online http://www.sanmarinoteatro.sm/on-line/Home/StagioneTeatrale/PaginaDettaglioSpettacolo.html?P0_id=225
Altre news


© 2006 Associazione Musicale Allegro Vivo  |  Credits